ULTRA CYCLING

L’unico limite è porre un limite.    Cit. Pierluigi Carapelli

CHI E’

PIERLUIGI CARAPELLI

PERCHE'?

Tutto è cominciato quasi per caso… nel 2014 quando dopo un infortunio durante una gara di supermotard mi consigliarono di fare bicicletta come attività rieducativa per la caviglie destra, e da lì è iniziato tutto.

Dopo le prime difficili uscite, piano piano ci ho preso gusto fino a quando una mattina mi sono svegliato con l’idea di realizzare una pazzia che avevo in mente da tempo: andare da Rimini a Viareggio in bici.

IL PRIMO GIRETTO

Nel 2016 chiedo ad un collega che doveva recarsi a lavoro ad Ancona di lasciarmi a Rimini e inizio cosi la mia avventura senza sapere se e come l’avrei conclusa. 270km, 9 ore e 30h, sempre solo e sotto una pioggia pazzesca per 2/3 del tragitto, ma sempre col sorriso sulla bocca e con l’adrenalina a mille. 

Da quel giorno ho capito che tutto si può fare se la testa lo desidera.

PERCHE' L'ULTRA CYCLING?

Il primo over 300km, l’estrema Randolomitics (245km con 7.000m di dislivello), la salita della Riola fatta 7 volte di seguito no stop, il doppio Coast to Coast Rimini-Viareggio-Rimini (538km) in 19h20’, un 616 km in 24h in giro per 4 Regioni, un Everesting su Schignano (33 volte consecutive in 15h20’ per 8904m di dislivello), la Race Across Italy di 775km, d+ 11.000 in 34h53’ pedalate, la Romagna ultra race di 315km e 7.000m in 15h, più tutti gli innumerevoli over 200 e 300 di “ordinario” allenamento.

Perché l’ultracycling? Perché sei tu, la tua testa e le tue gambe, senza scia, senza aiuti.

Ho riassunto tutto questo in un tatuaggio : “l’unico limite è porre un limite”

RAI Race Across Italy 2021

Grande prestazione di Pierluigi che conclude ottimamente la sua RAI 2021 ottenendo la qualificazione per la RAAM!

Grande risultato di Pierluigi Carapelli alla Race Across Italy svoltasi lo scorso fine settimana. L’atleta pratese, non nuovo a imprese da ciclismo leggendario, è riuscito ancora una volta a terminare e con un ottimo tempo quella che è riconosciuta unanimamente come una delle prova ultra cycling più dure al mondo. Lunga 790 Km con il dislivello positivo che sfiora i 12.000 metri, partenza sul Mare Adriatico, passaggio sul Mar Tirreno e ritorno con gli appennini da scalare due volte. Pierluigi quest’anno ha deciso di correre la R.A.I con un mezzo di sostegno condotto da Emiliano Galli e da Enrico Roberto Carrara di Cycling Digest e tutto ha funzionato alla perfezione.

 

UltrApuane 2020

Pronto per il via l’evento di utlracycling UltrApuane, organizzato dal negozio Pro Classic Cycle.

Il nostro Pierluigi Carapelli è pronto per questa nuova sfida. Parteciperà al percorso “Experience” di 350km con dislivello positivo di 7 mila metri.

L’evento si svolgerà nei giorni 28, 29 e 30 agosto e la partenza per entrambi i percorsi sarà al Caffé delle Mura, alle 7 per la Challenge e alle 14 per la Experience.

Lungo la strada sono dislocate tre time station, a Benabbio, Monsummano e Castelnuovo, dove i concorrenti dovranno firmare il loro passaggio e potranno sfruttare il punto ristoro messo a disposizione dall’organizzazione.

Potrete seguire l’avventura di Pierluigi LIVE! 

Dolomitica 380 2020

La Ultracycling Dolomitica, gara di ultra ciclismo corsa con la formula della cronometro individuale, è stata la prima vera competizione dal termine del lockdown e ha visto tra i protagonisti anche il nostro Pierluigi Carapelli sul percorso da 380 chilometri.

E’ stata un’impresa ai limiti della resistenza umana, soprattutto per il meteo avverso per più della prima metà del percorso.

Ma il nostro Pierluigi ha resistito e ha portato a termine una grande sfida!

Coast t(w)o Coast​ 2020

“Coast t(w)o Coast” Ultracycling sharing experience! 535km da una costa all’altra della nostra penisola!

E’ stata un’impresa ai limiti della resistenza umana, soprattutto per il meteo avverso per più della prima metà del percorso.

Ma il nostro Pierluigi ha resistito e ha portato a termine una grande sfida!

Ultracycling sharing experience la cosa più bella è condividere la stessa passione