Copyright © 2023 POL. CYKELN TEAM ASD
P.IVA 06610850486 All Rights Reserved. 

Atlas Mountain Race 2023

Su questa pagina potrai seguire l’avventura di Gianluca Scafuro e Lenny Valentino Schiaretti alla Atlas Mountain Race! 1.302km e 20.200m di dislivello da Marrakech ad Essaouira sulla costa atlantica passando per i sentieri sterrati dell’Atlante.

Live Tracking

Qui potrai vivere la gara di Gianluca (cap 56), Lenny (cap 188) e Thomas (cap 171) ma scoprire anche l’altimetria del percorso, le condizioni meteo e tante altre curiosità sul percorso estremo dell’AMR 2023.

La Diretta

Qui verranno pubblicati gli aggiornamenti, foto, audio, video che quotidianamente Gianluca e Lenny riusciranno ad inviarci. Seguici anche sui nostri canali social IG | @cykelndivisionecorse e FB | cykelndivisionecorse

07.02.2023  Ore 11:44 – Quando ci stavamo iniziando a preoccupare ecco che la posizione di Lenny è stata aggiornata e si trova con Thomas al km 638. Bene!

Ore 10:38 – Gianluca ha passato gli 800km, ora salita di 30km per arrivare ai 1800m. Thomas è al 624km e Lenny sempre fermo al CP2.

Da segnalare l’impresa che sta compiendo la prima donna, la tedesca Luisa Wernerquasi 900km percorsi, dormendo solo 6h in 3 giorni e 16h di gara. Semplicemente impressionante!

Ore 08:55 – Gianluca è scollinato ai 1600m e ci ha girato queste magnifiche immagini del Marocco più selvaggio…ora in discesa fino al km 800 e poi altra salita di 30km per arrivare ai 1800m. Thomas intanto è ripartito dal CP2, lo aspetta una lunga giornata.

In testa alla gara Robin Gemperle  ha preso il largo e ha adesso circa 60km di vantaggio su Justinas Leveika.

Ore 05:35 – Gianluca è ripartito intorno alle 4 anche oggi e si trova adesso al 750km. Thomas e Lenny ripartiranno dal CP2, Lenny infatti ieri notte è riuscito ad arrivare al punto di controllo n.2 dopo una faticosissima giornata. Ecco il suo simpatico messaggio: «Uuuuuuu questo cipppooo 2 che calvario arrivarci! Ci ho messo una vita, crisi di fame, di freddo, di mal di culo, di tutto 🤣 ora sto mangiando e poi mi schianto per terra qui con il sacco a pelo sul pavimento a dormire le camere le ha prese tutte Thomas» 

In testa alla gara dopo il ritiro di Mattia De Marchi ha preso il comando lo svizzero Robin Gemperle (lo ricordiamo protagonista anche sui circuiti della Redhook Crit) su Justinas Leveika. Sono distanziati da 23km che possono sembrare tanti ma in realtà in gare endurance tutto può accadere da un momento all’altro. Ha scollinato uno degli ultimi veri rilievi, al km 1186 ma giunto sulla costa atlantica l’insidia più grande per loro sarà il forte vento. La differenza vera la farà l’energia rimasta nelle gambe e guardando le statistiche quello “più fresco” è senz’altro lo svizzero che ha dormito 10h circa in questi 4 giorni di gara contro le sole 3h (!) del lituano. vediamo chi riuscirà ad aggiudicarsi per primo il traguardo di Essaouira.

06.02.2023  Ore 21:35 – Ecco il tanto atteso recap audio di Gianluca. Buon ascolto! Intanto Thomas si è fermato al CP2 e ripartirà da lì, bravo Thomas! Lenny invece pedala ancora dimostrando un grandissimo carattere! Si trova al 580km e ad occhio e croce cercherà di arrivare al CP2 al 600km anche lui!

Ore 19:29 – Intanto Gianluca è arrivato a Tagmount. 230.8km pedalati oggi. Anche Thomas proprio in questo momento arriva al CP2 al 600km. Si attendono aggiornamenti.

Ore 18:45 – Colpo si scena in testa alla classifica, Mattia De Marchi risulta tra i ritirati, non sappiamo i motivi. Peccato davvero per Mattia che nelle ultime 24h aveva dimostrato la migliore gamba tra i tre. E’ arrivata la comunicazione ufficiale dell’organizzazione, Mattia sta bene ma per sicurezza è stato portato in ospedale.

Ore 18:30 – A Gianluca mancano 18km per arrivare nel villaggio di Tagmount dove presumibilmente si fermerà per mangiare e riposare qualche ora visto che poi inizia una salita di oltre 30km che porta i riders a 1800m di altezza. Al suo arrivo dovrebbe aver percorso circa 240km. Thomas è invece a 15km dal CP2, speriamo riesca a raggiungerlo e riposarsi un po! Lenny ha passato i 542km.

In testa alla gara segnaliamo Mattia de Marchi al 1050km e il sorpasso di Robin Gemperle su Justinas Leveika rispettivamente al 1034km e 1031km. Battaglia apertissima ancora!

Ore 15:55 – Dall’audio che ci ha inviato si inizia a far sentire la fatica sulle gambe di Gianluca. Oggi ha percorso 190km. Thomas intanto è arrivato al 552km e Lenny al 514km.

Ore 13:52 – In testa alla gara segnaliamo il superamento dei 1.000km di Mattia de Marchi in testa su Justinas Leveika al 990km e Robin Gemperle passato al 972km. La vittoria, simbolica perchè non ci sono premi, ricordiamolo, a parte una birra ghiacciata, se la giocheranno questi tre incredibili atleti. 

Ore 12:28 – Gianluca ha ripreso a pedalare, lasciando il CP2. Lo aspettano tanti km difficili in fuoristrada accidentato anche in salita. I punti per rifornirsi sono scarsi, per i prossimi 150-180km. Gianluca e gli altri dovranno guadagnarsi ogni chilometro di strada. 

Ore 11:11 – Gianluca è al CP2 al 600km. Si riposerà e mangerà qualcosa prima di ripartire. Posti spettacolari.

Ore 09:37 – Gianluca è al 584km a poco più di 10km dal CP2, percorso 90km in 5h. Sono ripartiti anche Thomas e Lenny che si trovano rispettivamente al km 454 e 420. Ottima reazione alla fatica da parte di entrambi. Nota statistica, al momento 28 ritiri.

Ore 07:40 – Gianluca e il freddo della mattina in Marocco.

Ore 06:02 – Gianluca è ripartito da Taznakht alle 4 e al momento si trova al 535km, obbiettivo di oggi superare il CP2, ascoltalo nell’audio che ci ha inviato. Thomas, bravissimo, ha pedalato fino a circa le 2 prima di fermarsi, arrivando al 444km. Lenny si è fermato intorno alla mezzanotte al 391km. Entrambi devono ancora ripartire. Forza ragazzi!

In testa alla gara altro ribaltone, perchè in questo tipo di gare le cose più belle succedono la notte… 🙂 ora in testa c’è Mattia de Marchi che ha superato i 905km percorsi e Justinas Leveika al secondo posto a 874km. Robin Gemperle li segue al 859km. Si sta riavvicinando il tedesco Sebastian Breuer che ha superato il km 819. Delle moto!

05.02.2023  Ore 21:48 – Gianluca ha raggiunto Taznakht al 493km, si fermerà qui, mangerà e riposerà qualche ora. Thomas è al 405km ha quasi scollinato la lunga e noiosa salita dov’era passato Gianluca nel pomeriggio. Lenny è passato al 363km e ci ha mandato un messaggio: «Le sensazioni sono altalenanti, ieri molto bene, oggi ho accusato. Ho fatto fatica in salita, ho spinto tanto la bici. Abbiamo fatto sosta ad Afra per mangiare e poi sono ripartito. L’obbiettivo è avvicinarsi il più possibile ai 400km. La fatica è tanta ma i posti sono bellissimi e sono contento così per la preparazione che avevo.»

In testa alla gara quasi un ribaltamento, sempre i tre al comando ma a posizioni invertite, ora in testa c’è Robin Gemperle con 900m di vantaggio su Mattia de Marchi e 1500m su Justinas Leveika. Dopo 787km! Incredibile!

Ore 18:07 – Arrivati alle 48h di gara! Recap della situazione: Gianluca sta pedalando ed ha passato il km 430. Obiettivo di giornata arrivare a Taznakht al km 493. Thomas è in grande spolvero, pedala al km 370 e queste ultime 24h le ha pedalate con grande regolarità. Lenny è al km 335 e reagisce bene alla naturale stanchezza.

Davanti alla gara se le danno di santa ragione, in tre a pochi chilometri di distanza l’uno dall’altro, saranno ore di pura battaglia fisica e psicologica.  Justinas Leveika al 742km e Robin Gemperle raggiunto da Mattia de Marchi al 739km.

Simpatico siparietto, oggi pomeriggio si svolgeva il Campionato Mondiale di Ciclocross con la grande sfida tra Wout Van Aert e Mathieu van der Poel, in quel momento Gianluca era impegnato in una lunghissima e noiosa salita di 20km su asflalto in un tratto di copertura cellulare e cosa fa? Una bella videochiamata per vedere il diretta la volata finale… 🙂

Ore 12:14 – Gianluca è ad Afra, pausa pranzo. Percorsi 355km. Intanto Thomas ha scollinato la catena montuosa ed ha passato il 310km. Lenny è al 287km.

Ore 11:48 – Arrivato appena adesso un’audio di Gianluca delle ore 8 circa.

Ore 10:45 – Gianluca e Lenny sono ripartiti alle 7 circa. Gianluca in questo momento ha terminato la discesa dopo aver scollinato quota 2000m e si trova al 330km. Thomas e Lenny rispettivamente al 295km e 278km, nel pieno della salita. Interpretiamo la mappa del tracker non avendo notizie dirette…la zona è tra le più selvagge del Marocco e non c’è copertura cellulare.

Davanti i primi hanno raggiunto il CP2 al 600km in due, Justinas Leveika e Robin Gemperle e a 3km di distanza l’italiano Mattia de Marchi in fortissima rimonta, si preannuncia una seconda metà gara fuoco e fiamme. Ritirato Paul Voss.

Ore 06:21 – E’ ripartito solo Thomas in piena notte ed è arrivato al 261km. Lenny e Gianluca sono ancora fermi.

Intanto davanti in 5 atleti hanno oltrepassato i 500km e si danno battaglia a distanza. Conduce sempre Justinas Leveika seguito da Paul Voss in deciso recupero Robin Gemperle, Mattia de Marchi quarto e Sebastian Breuer in quinta posizione.

04.02.2023  Ore 22:41 – Al momento si sono fermati a riposare Gianluca e Thomas, mentre Lenny continua a pedalare. Gianluca in quota (1.420 slm) al 292km, sulla salita che lo porterà a scollinare domani oltre i 2.000m. Questo è un tratto di una vecchia pista coloniale particolarmente selvaggia, remota e straordinariamente bella. Un punto del percorso dove è difficile trovare rifornimenti, uno dei punti della gara più importanti. Thomas ha trovato rifugio, insieme a tanti altri a notare dai punti, al 252km. Lenny, al contrario, pedala e ha superato il 236km, con la possibilità di recuperare il gap che aveva accumulato su Thomas.

Ore 19:51 – La prima giornata della AMR 2023 è passata. E’ stata dura, non sono mancate sorprese ma alla fine i ragazzi stanno ancora pedalando e questo vuol dire che stanno bene. Gianluca al momento ha passato il km 270, intorno alla 40 posizione, dopo una leggera flessione nel pomeriggio si è fermato, ha mangiato ed è ripartito bene. Thomas è al 235km, molto bene e anche Lenny ha passato i 200km da poco. La giornata è stata dura, recuperare la fatica della scalata della prima notte ancora di più ma i posti sono incredibili.

Ore 13:33 – Dopo quasi 20h dall’inizio troviamo i nostri rispettivamente al 212km Gianluca al 170km Thomas e al 152km Lenny. La fatica della notte si fa sentire nei loro messaggi, una fatica che non si puo nemmeno immaginare. La scalata al Telouet Pass di notte con freddo (fino a -8 gradi a 2600m) e neve durata tra le 4-5h spingendo la bici per molti tratti, deve essere stata incredibile, come si può solo immaginare dalle foto di Nils Thomsen.

Intanto davanti un gruppetto di 5 atleti in soli 20km si giocano la gara: Justinas Leveika seguito da Robin Gemperle e Oliver Beresford, Sebastian Breuer e l’italiano Mattia de Marchi.

Ore 10:14 – Situazione di Lenny risolta. L’organizzazione ha cambiato il gps tracker e dovrebbe ripartire a momenti. Ci ha scritto che la notte è stata particolarmente dura, a conferma che i primi 100km sono davvero micidiali nelle gare organizzate da Nelson Tree.

Ore 09:49 – Lenny ci comunica che ha smarrito il GPS Tracker a 3km dal CP1. E’ fermo in attesa che l’organizzazione gli comunichi il da farsi. Thomas intanto è ripartito.

Ore 09:35 – Gianluca ha ripreso il ritmo ed ha superato il 152km attraverso i villaggi di terra rossa percorrendo dei bei singletrack. Si dirige quindi ai piedi dell’Atlante, passando vicino l’imponente centrale solare di Ouarzazate. Thomas al CP1, Lenny vicino. I primi, con il lituano Justinas Leveika in testa hanno oltrepassato da poco il 250km.

Ore 07:05 – Gianluca si sveglia e riparte, intanto Thomas ha raggiunto pure lui il CP1, vediamo cosa decidera’ di fare. Lenny vicinissimo anche lui al CP1

Ore 03:00 – Gianluca raggiunge il Telouet Pass. – 8 gradi a 2600m. Freddo. Raggiunto il CP1 alle 4 circa al 126km dopo la discesa dalla vetta, Gianluca si ferma per riposare 2h. Lenny e Thomas sono circa 10km dietro. 

03.02.2023  Ore 21:33 – Dopo 3h e 30′ di gara i riders sono arrivati al 75km a circa 1600m di quota. Gianluca è partito concentrato, al momento in 11 posizione. Lenny è transitato al 65km in 75 posizione. Al 84km ci sono le due control car che aspettano i riders. Sono appena partiti, STAY TUNED!

Ore 19:27 – La strada sta iniziando a salire, i primi hanno passato il km 39. Da ora fino al CP1 al 126km la strada sale con pendenze molto difficili. Stiamo parlando di circa 3000m di dislivello che metteranno i riders subito alla prova, soprattutto con l’avanzare della notte.

Ore 18:50 – Dopo circa 1h di gara gruppo allungatissimo. I primi hanno percorso circa 26km.

Ore 18:00 – Sono partiti! 

Ore 17:35 – Inizia il conto alla rovescia! Ascolta le ultime impressioni di Gianluca. 

Ore 16:45 – E’ iniziato il briefing pre partenza.

Ore 15:45 -Iniziano davvero le ultime fasi prima della partenza, sia la preparazione di tutti i bagagli che verranno portati dall’organizzazione a Essaouira sia il check degli ultimi dettagli su abbigliamento e accessori. 

Ore 15:00 – Mancano 3h alla partenza dell’AMR che è l’evento di apertura della stagione del bikepacking. Gruppo numeroso, considerando la concomitanza con la Race Around Rwanda che inizia due giorni dopo. I riders provengono da Regno Unito (38), Germania (33), Italia (26), Francia (24) e Belgio (15) questi costituiscono la maggior parte del gruppo, ma in totale sono rappresentati 32 paesi: Austria, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Svizzera, Repubblica Ceca, Germania, Ecuador, Spagna, Finlandia, Francia, Regno Unito, Grecia, Ungheria, Irlanda, India, Italia, Corea del Sud, Lituania, Marocco, Messico, Paesi Bassi-Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania , Russia, Slovenia, Stati Uniti, Venezuela, Sudafrica. Chi saranno i protagonisti? È già certo che avremo un nuovo vincitore, poiché nessuno dei precedenti vincitori (Sofiane Sehili, Jenny Tough, Marin de Saint-Exupéry, Ashley Carelock) è presente. Quindi chi saranno i favoriti? Tra tutti spiccano quattro nomi: Justinas Leveika che sembrava potesse vincere l’edizione 2022 fino alla rovinosa caduta a 3/4 di gara che lo costrinse al ritiro. Il sudafricano Kevin Benkenstein, finito secondo alla The Rhino Race. Il nostro amico Mattia De Marchi ha vinto senza alla Badlands e all’Italy Divide. Uomo da podio. Steven Le Hyaric innamorato del Marocco, torna con uno stato di forma eccellente dopo esser arrivato quarto all’AMR 2022. Ma altri ottimi atleti potrebbero essere protagonisti  come Laurent Boursette (specialista dell’ultracycling su strada con diversi Bikingman e Race Across France al suo attivo); Sebastien Breuer, vincitore al Badlands 2022 e campione tedesco di mountain bike; Sam Thomas, 16° nell’AMR 2020, ben piazzato ad Further Pyrenes; Robin Gemperle, Pawel Machacek, Allan Shaw, Ernie Lechuga e Théo Daniel.

E le donne? Non sono molte, forse il Marocco non attira. Partono in 16. Le favorite? Luisa Werner sembra avere le migliori referenze (8° al 3PBR e 21° al Badlands nel 2022), ma ci sono altre atlete di grande esperienza come Daniela KichnerAllison FelleyCaroline Prigent.

Ore 09:55 – Gianluca e Lenny alla consegna “cap number” e “gps tracker” che ricordiamo sarà di fondamentale importanza si per seguirli sulla mappa ma anche per la loro sicurezza, la maggior parte del percorso non è coperto dalla rete cellulare e in caso di emergenza il loro unico contatto con l’organizzazione rimane il gps tracker. 

02.02.2023 Ore 19:59 – Gianluca descrive le sensazioni della sera prima della partenza.  I preparativi e la situazione generale. Ascoltalo nell’audio che trovi sotto.

Ore 9:45 – Gianluca e Lenny si sono ritrovati stamani con amici delle passate edizioni e dopo un setup della bici hanno fatto 2h di rifinitura per sciogliersi la gamba in vista della partenza di domani! Mancano ormai poco più di 24h alla partenza! 

01.02.2023 Ore 10:45 – Gianluca è appena atterrato a Marrakech, insieme a Lenny. Inizia ufficialmente l’avventura alla AMR 2023! Giornata dedicata al rimontaggio bici e serata relax in giro a Marrakech con cena in compagnia di un simpatico gatto che puntava la cena di Lenny… 😉 Domani sgambata prima della partenza di venerdi!

La Gara

L’Atlas Mountain Race in Marocco è una delle gare più impegnative al mondo per i ciclisti endurance. Gianluca Scafuro ci riprova, dopo lo sfortunato ritiro nel 2022. La partenza è in programma il 3 febbraio 2023. Debutto in Cykeln per Lenny Valentino Schiaretti che parteciperà all’AMR per la prima volta. Lenny e Gianluca, amici d’infanzia, 14 anni fa portarono a termine l’avventura estrema Mongolia Tour in bicicletta, oltre 4000km tra Kazakstan e Mongolia, quando questi viaggi estremi erano novità e ancor più qualcosa di folle, estremo, inconcepibile e insensato rispetto ad oggi.

Alla partenza presente anche Andrew Thomas Daddi che parteciperà alla gara insieme ai nostri atleti, creando una forte rappresentanza toscana all’Atlas Mountain Race. La gara, che si svolge su un percorso lungo 1.302 km attraverso le montagne del Marocco per 20.200m di dislivello, sarà una grande sfida per tutti i partecipanti e sarà emozionante vedere come si comporteranno i nostri.

Grazie per il supporto a:

PISSEI
RADIO TOSCANA
PUNTALA CAMP & RESORT
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin

ULTIME NEWS DALLA AMR